Neanche il cedro, frutto Sacro per gli ebrei, si salva, è crisi meteo

Neanche il cedro, frutto Sacro per gli ebrei, si salva, è crisi meteo

Sulla Riviera dei Cedri, alto Tirreno cosentino, un gruppo di rabbini con barba e kippah calzata sulla testa attende da un mese la maturazione del “frutto sacro”, in ritardo quest’anno a causa delle gelate invernali che hanno danneggiato gran parte dei cedri e il 70% delle piante.

Una calamità riconosciuta dal ministero dell’Agricoltura. In occasione della prossima XVIII Giornata europea della cultura ebraica (il 10 settembre), a Santa Maria del Cedro, si è parlato di “Il cuore calabro dell’ebraismo”.

Ed è iniziato il raccolto.

I religiosi, provenienti da diversi paesi del mondo, selezioneranno i frutti per la cerimonia del Sukkot, la festa delle capanne, in ricordo di quelle che gli ebrei si costruirono durante il loro viaggio verso la Terra Promessa. A fine mese i cedri di varietà “diamante”, lisci e lucenti come li vuole la Bibbia, partiranno per tutti i continenti, chiusi in casse e incastonati in gusci di gommapiuma. È più o meno così dal 1200.

Dopo le gelate, resta poco negli 80 ettari delle profumate cedriere che si estendono, fino a 300 metri sul livello del mare.

Molti alberi, a gennaio, hanno sofferto il clima eccezionalmente rigido, nonostante il territorio goda in genere di condizioni ideali, con correnti d’aria fredde mitigate da quelle calde portate dal mare. Compromesso quasi tutto il raccolto.

Rav Moshe Lazar, a capo della comunità ebraica di Milano, insieme ad altri rabbini provenienti da Russia, Canada, Stati Uniti, Francia, Polonia, ha aspettato con pazienza nelle scorse settimane la piena maturazione dei frutti. Ora ci siamo. «Vengo qui dal 1964 – racconta Moshe Lazar che è di origini austriache – Ormai mi sento calabrese a tutti gli effetti.

La Regione prevede azioni a supporto dei produttori, anche in considerazione delle implicazioni culturali che la coltivazione del cedro ha con il territorio e le comunità ebraiche calabresi: «Per sostenere le aziende cedricole e con particolare riferimento ai frutti della varietà “Liscia Diamante”, coltivata esclusivamente sulla costa tirrenica calabrese, nel Psr è stata inserita un’azione ad hoc – spiega il delegato regionale all’Agricoltura Mauro d’Acri – con l’obiettivo di evitarne l’abbandono e la conseguente perdita in termini di biodiversità agricola».

«La coltivazione del cedro interessa in questa zona almeno trecento famiglie che si dedicano con passione, ostinazione e fiducia a un lavoro molto faticoso», dichiara il presidente del Consorzio del cedro di Calabria Adriano Adduci. Dopo la gelata di questo inverno (un fatto eccezionale, l’ultima risale a 30 anni fa), sta valutando il da farsi: «Ora, preliminarmente, dobbiamo concentrarci sulla definizione di un quadro normativo ben preciso e sull’implementazione della produzione».

Anche i rabbini questa volta dovranno accontentarsi di pochi pezzi rispetto ai quantitativi degli scorsi anni (migliaia per ogni comunità).

Fonte: IlSole24Ore

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Articoli correlati